30 novembre 2011

Le origini delle canzoni di gesta francesi


3992126373_f3c1211476.jpg
Il periodo compreso tra l'XI e il XIII secolo segna lo sviluppo delle canzoni di gesta, nate in risposta ad una sempre maggiore necessità di diffusione epica dei valori e della legittimazione del potere feudale. Infatti la parola "geste", in francese, va ad indicare proprio la trattazione della tradizione eroica di un'antica famiglia o di un lignaggio.
Dunque, quando si parla di chanson de geste, ci si riferisce ad una letteratura nata in circuiti colti, più in particolare, all'interno delle corti feudali ma, nonostante ciò, la sua diffusione avviene comunque oralmente, come tutta la tradizione popolare, diretta ad un publico dunque non necessariamente colto.

Le canzoni di gesta più celebri si organizzavano in cicli, tra i quali 3 sono i più celebri: il ciclo di Carlo Magno, che è anche il più antico, incentrato sulla narrazione delle imprese di Carlo e dei suoi paladini in lotta contro i Saraceni; il ciclo di Guglielmo d'Orange, incentrato sulle gesta di questo nobile feudatario; e il ciclo dei vassalli ribelli, che si colloca in un momento storico in cui la legittimazione del potere feudale viene progressivamente meno.
-->
In particolare, la celeberrima "Chanson  de Roland" - composta intorno al 1080 e formata da circa 4000 decasillabi - appartiene al primo ciclo. Di quest'opera, la più antica copia manoscritta pervenuta è conservata ad Oxford e risale al XII secolo. La copia in oggetto riporta alla fine la firma di Turoldo, il quale verosimilmente, non fu l'autore bensì il copiatore del poema.
La vicenda narrata nella "Chanson de Roland" è ambiantata nel 778, durante la spedizione che i Franchi condussero contro i Saraceni. Episodio principe di tutto il poema è la morte di Orlando, personaggio che perfettamente incarna gli ideali del guerriero e del martire religioso modello.

(Foto di El Bibliomata - Flickr - CC)

Nessun commento:

Posta un commento